Davide Bendotti raggiunge la Capanna Margherita (4560 m)

Pubblicato il 12 Lug 2023

Impresa riuscita. Lo sciatore paralimpico Davide Bendotti, portacolori del GSPD (Gruppo Sportivo Paralimpico della Difesa) presente alle Paralimpici 2018 e a quelle 2022, ha raggiunto ieri la Punta Gnifetti sul Massiccio del Monte Rosa e di conseguenza la Capanna Osservatorio Regina Margherita, il Rifugio Alpino più alto d’Europa con i suoi 4560 m.

Questa due giorni, nata da un’intuizione dell’Associazione Aldo Pollini, a fianco della FISIP dal 2021, e dal celebre alpinista Luca Colli (viaggiatore – trekker – alpinista di fama internazionale capace nella sua carriera di raggiungere in velocità dal campo base senza sosta, senza supporto esterno, senza sci e senza ossigeno le 11 vette più alte del mondo), ha visto sì Bendotti come assoluto protagonista ma l’azzurro ha potuto contare sul fondamentale ruolo svolto da Ioris Turrini (Presidente della Società delle Guide Alpine di Gressoney) e sul supporto logistico della Scuola di Alpinismo Corpo Guide di Alagna oltre che sulla presenza di Matteo Pollini, rappresentante sul campo dell’Associazione Pollini.

Lunedì il gruppo si è ritrovato ad Alagna Valsesia (Vercelli) per poi raggiungere Punta Indren (3260 m) con gli impianti di risalita. Da lì il team ha attraversato il ghiacciaio di Indren e successivamente raggiunto il Rifugio Città di Mantova (3498 m), dove è stato allestito il Campo Base tendato e gli alpinisti hanno trascorso la notte. Martedì, attorno alle ore 5:00, la squadra si è mossa in cordata per dirigersi verso il Rifugio Gnifetti (3647 m), oltrepassare il Balmenhorn (4167 m), il Colle del Lys (4300 m) e immettersi sulla parte finale dell’ascesa che ha portato i protagonisti sino al traguardo di Capanna Margherita (4560 m). Bendotti, che per l’ascensione ha utilizzato le stampelle speciali in alluminio progettate da Renato Brignone (Technical Manager di Tompoma Srl) è poi sceso con i suoi amati sci.

È stata una due giorni che difficilmente scorderò – racconta Davidee dove mi sono veramente divertito. I timori della vigilia erano relativi soprattutto ai passaggi sul ghiacciaio con i rampocini e le stampelle e a come avrei reagito all’altitudine. Devo ammetterlo invece che la gamba e le braccia hanno affrontato senza problemi le pendenze più severe e anche la quota non l’ho subita. Poi ho provato una forte emozione quando alla Capanna Margherita ho indossato i miei sci per ridiscendere. In quel momento mi sono sentito a casa”.

“Davide con le sue doti fisiche ci ha veramente sorpreso. Non ha incontrato alcuna difficoltà nella due giorni. La fiducia reciproca tra me e lui si è creata ed è cresciuta metro dopo metro. Ricordo con il sorriso l’entusiasmo della gente che abbiamo incontrato lungo il percorso”, le parole di Ioris Turrini.

È stata una vera e propria impresa. Davide è andato oltre ogni aspettativa in una due giorni dove anche le condizioni della neve e il meteo sono stati dalla nostra parte”, il commento di Luca Colli.

È per noi motivo di orgoglio essere promotori e sostenitori di un’impresa come questa dove vince la volontà di superare i limiti e di abbattere barriere, dove la professionalità e la preparazione atletica di Davide si sono combinati con l’eccezionalità di un’impresa non solo sportiva. Abbiamo scritto un nuovo capitolo della storia paralimpica e lo abbiamo fatto in un posto meraviglioso come il Monte Rosa. È solo l’inizio di possibili altre sfide dell’Associazione impegnata nel promuovere i valori dello sport e dell’inclusione. Mi preme ringraziare tutti, a partire da Luca Colli, la FISIP, le guide e Davide ovviamente per aver creduto nella nostra idea. Un’idea da visionari ma che Davide e tutto il gruppo sono riuscita a trasformare in un successo”, ha concluso la Presidente dell’Associazione Aldo Pollini Raffaella Pollini.

Crediti foto: Mauro Ujetto

(12 luglio 2023) © Press Office FISIP

Articoli in evidenza
Coppa del Mondo Generale: per Luchini e Perathoner è tripletta di globi
Coppa del Mondo Generale: per Luchini e Perathoner è tripletta di globi
Si chiude con i Campionati Italiani a Temù (BS) la stagione sportiva dello Sci Alpino Paralimpico FISIP
Si chiude con i Campionati Italiani a Temù (BS) la stagione sportiva dello Sci Alpino Paralimpico FISIP
Al via le ultime gare della stagione per la squadra di para-bob e snowboard
Al via le ultime gare della stagione per la squadra di para-bob e snowboard
precedente
successivo
Shadow